My Twitter Feed

November 23, 2017

:

I Magazzini Generali alla ZAI -

sabato, 28 gennaio 2017

Venezia. Una “cittadinanza delle donne” orfana del “Centro Donna” -

venerdì, 6 gennaio 2017

Verona. La priorità del lavoro -

giovedì, 5 gennaio 2017

Verona. Appello elezioni amministrative 2017 -

giovedì, 22 dicembre 2016

Verona. Contro lo smog letale per la salute dei cittadini -

mercoledì, 14 dicembre 2016

Le ragioni ecologiste per un “No” al referendum costituzionale -

venerdì, 2 dicembre 2016

“Centro donna” di Venezia. Lettera aperta alla Vicesindaco Luciana Colle -

venerdì, 25 novembre 2016

“Stavolta No”, incontro a Nogara (VR) il 26 novembre -

mercoledì, 23 novembre 2016

Verona. Necessarie iniziative per tutelare salute e ambiente -

domenica, 20 novembre 2016

Verona, 17 novembre. “Le ragioni del NO alla rottamazione della Costituzione” -

mercoledì, 16 novembre 2016

Arena. Renzi e Tosi ritardano interventi urgenti -

venerdì, 28 ottobre 2016

Verona. Serve urgentemente una seria politica per la ciclabilità -

martedì, 18 ottobre 2016

Verona. La Zai deve essere messa al riparo da inquietanti vicende processuali che coinvolgono il suo presidente -

giovedì, 6 ottobre 2016

Una alternativa per Verona e No al referendum -

martedì, 4 ottobre 2016

Meglio contro la povertà che contro i poveri -

venerdì, 30 settembre 2016

Valpolicella: per una migliore qualità del vino e del territorio -

lunedì, 26 settembre 2016

Legge elettorale. I “furbetti” della politica -

venerdì, 23 settembre 2016

26.09 a Nogara (VR). Le ragioni del “no” al referendum -

giovedì, 22 settembre 2016

Sinistra Italiana Verona invita a firmare la proposta di legge della CGIL -

sabato, 17 settembre 2016

Bonifica discarica di Ca’ Filissine (VR) -

domenica, 11 settembre 2016

Una alternativa per Verona e No al referendum

sinistraitaliana

È ben nota la situazione di crisi in cui versa l’amministrazione comunale di Verona guidata da Tosi, luogo di inefficienza, di scelte sbagliate, non certo del buongoverno. Le condizioni economiche, del lavoro, sociali, ambientali e di vita sono peggiorate. I dati sulla povertà, sulla salute, sull’inquinamento, sull’assetto produttivo, sul dissesto del territorio, sulla disoccupazione ci dicono che le scelte amministrative e governative non sono state all’altezza delle necessità.

Diventa urgente preparare le condizioni di un profondo cambiamento.

Le speranze per un radicale cambiamento devono cimentarsi con la costruzione di un percorso unitario di tutte le organizzazioni politiche e sociali che vogliono un profondo mutamento innovativo definendo una piattaforma politica e programmatica per rappresentare e realizzare una Verona civile, accogliente, vivibile, solidale, laboriosa, inclusiva, sicura, salubre, bella ed europea,capace di garantire diritto allo studio, lavoro buono e sicurezza sociale.

Sinistra Italiana di Verona ribadisce l’appello, inviato ancora lo scorso anno con Human Factor, a tutte e tutti coloro che hanno a cuore la nostra città ad abbandonare vecchie e logore impostazioni politiche, ad intraprendere nuove strade, nuovi obiettivi nell’interesse esclusivo di Verona per dedicarsi fin da subito alla costruzione di un progetto politico e di un programma amministrativo che diano risposte ai suoi gravi problemi, vecchi e nuovi. E’ necessario che organizzazioni politiche e sociali, insieme, pur nel rispetto delle reciproche autonomie, sappiano abbattere preconcetti vetusti ed inconcludenti, sappiano lavorare insieme e produrre contenuti programmatici comuni e possano contribuire a definire un comune progetto politico amministrativo alternativo alle destre, al leghismo, al tosismo e al renzismo.

Va rilevato, ancora una volta, che Il PD di Renzi ha rottamato il centrosinistra a Roma, ma anche a Verona il PD locale, anche con un suo documento politico, ha assunto atteggiamenti analoghi, ipotizzando convergenze politiche non sulla base di valori e contenuti del centrosinistra e di obiettivi locali coerenti, ma solo con organizzazioni politiche appartenenti allo schieramento a sostegno del SI referendario.

Sinistra Italiana ribadisce per l’ennesima volta la sua volontà unitaria di costruire una svolta profonda e continuerà l’opera di incontri, di ascolto, di coinvolgimento la più larga possibile, esclusivamente sulla base di valori e contenuti programmatici proponendo agli interlocutori che condividano questa impostazione politica la disponibilità a partecipare anche direttamente al progetto politico elettorale, alla formazione della lista o della coalizione di liste e alla individuazione, sulla base di regole trasparenti, della persona più “indicata” a rappresentare, quale candidata a sindaco, le proposte politiche e programmatiche che scaturiranno.

Inoltre Sinistra Italiana ribadisce la sua volontà politica di sconfiggere la controriforma costituzionale voluta dal Governo Renzi a colpi di voti di fiducia e votata da una maggioranza parlamentare (che rappresenta una minoranza del paese), frutto di una legge elettorale iper maggioritaria bocciata per incostituzionalità. Tale modifica costituzionale tende di fatto a”rottamare” parti significative della democrazia italiana, sottraendo all’elettorato poteri elettivi allocandoli nelle mani dei vertici di pochi partiti, e non supera il bicameralismo inserendo regole confuse che rallenteranno il corso delle scelte parlamentari. A tale proposito saluta con soddisfazione, augurandosi che siano sempre di più, coloro che dal Pd nazionale ( come Emiliano, presidente della giunta pugliese e molti parlamentari) e locale (come Michele Bertucco e Roberto Fasoli) esprimono chiare indicazioni di voto contro la proposta di riforma costituzionale. Invita simpatizzanti, elettori ed elettrici a mobilitarsi per respingere con un NO questa proposta sbagliata. Una volta sconfitta sarà possibile avviare un processo di riforma che coinvolga le energie e le competenze più significative del Paese, il più largo numero di forze politiche perché le regole della democrazia debbono garantire tutte e tutti e non possono essere ad esclusivo appannaggio di pochi.

Giorgio Gabanizza, Antonio Ramella, Mauro Tosi, Maria Giovanna Sandri
Sinistra Italiana Verona

I commenti sono chiusi.